La redazione di Tra i Leoni si è dotata, a partire dal settembre 2011, di un Regolamento Ufficiale che stabilisce alcune regole di base atte a tutelare i principi fondanti del progetto e a garantire un’adeguata organizzazione funzionale. Insieme a questo, la redazione ha fissato alcune Linee Guida di Scrittura, con l’obiettivo di dare un punto di riferimento ai redattori nella stesura degli articoli.

Di seguito riportiamo il testo integrale del Regolamento Ufficiale comprensivo delle Linee Guida di Scrittura, che potete anche comodamente scaricare in formato PDF ai seguenti link:

Regolamento Ufficiale

Linee Guida di Scrittura

———————————————————————————————————————————————————————-

REGOLAMENTO UFFICIALE

1. Principi fondanti

1. Tra i Leoni, uno dei media dello Student media center istituito dall’Università Bocconi, è il giornale degli studenti dell’Università Bocconi, scritto dagli studenti per gli studenti. Esso dà voce a chi intende esprimere le proprie e le altrui esperienze per riflettere sul mondo che li circonda, valutare eventi e fenomeni della società contemporanea nonché per discutere e affrontare le problematiche interne all’università.
2. Tra i Leoni si fonda sulla sua indipendenza. I contenuti editoriali sono gestiti in autonomia dagli studenti nel rispetto delle regole della comunità universitaria e in accordo con le istituzioni che la governano; rifiuta articoli meramente pubblicitari e fa della criticità di analisi uno dei propri pilastri portanti.
3. Tra i Leoni vive della libertà di stampa. Esso non assume esplicitamente nessuna linea politica, ideologica o religiosa. In qualità di voce degli studenti, esso si impegna a rispettare e non censurare le opinioni individuali, purché esse non siano diffamatorie, non istighino esplicitamente a violare le leggi dello Stato e non siano lesive della dignità e onorabilità altrui o del giornale stesso.
4. Tra i Leoni si muove nella sua tipicità. Esso non mira a offrire informazioni rintracciabili in altre fonti, ma offre allo studente un mezzo per scoprire come i suoi colleghi universitari vedono il mondo, per leggere i racconti delle loro esperienze più costruttive e per avere informazioni sulla vita universitaria che non trova da altre parti.
5. Tra i Leoni si impegna a essere migliore di se stesso prima che degli altri. Chi ne è membro si impegna ad accogliere le critiche costruttive e a preservare e accrescere il prestigio del giornale, rispettandone le regole e sforzandosi costantemente di migliorarlo. Il giornale dovrà essere gestito come un servizio da rendere alla comunità studentesca nel miglior modo possibile. La struttura organizzativa dovrà permettere di rispondere a ogni bisogno e necessità in modo chiaro, tempestivo, efficace ed efficiente.

2. Funzioni e responsabilità

1. Il direttore responsabile è un giornalista professionista, membro dell’ufficio stampa dell’Università Bocconi. Egli è il referente del progetto e il tramite tra le istituzioni dell’Università e gli studenti che partecipano alle attività.
2. Il direttore editoriale è responsabile del funzionamento del giornale. È uno studente nominato dal direttore responsabile su proposta del direttore editoriale precedente: ha il compito di assicurarsi che il lavoro del giornale si svolga al meglio, nel pieno rispetto dei principi fondanti. Egli risponde dell’andamento del progetto.
3. Il vice- direttore è collaboratore del direttore, nominato dal direttore precedente su approvazione del successore: lo affianca nelle decisioni, lo aiuta nello svolgimento delle mansioni, ne assume le funzioni in sua assenza.
4. I caporedattori sono i responsabili delle varie aree editoriali:

  •  Area economica: comprende il Vieni Avanti Economista, l’Angolo della finanza e l’intervista.
  • Area politico-giuridica: comprende le pagine di attualità e l’Angolo del giurista.
  • Area campus: comprende le pagine Campus Life e Scambi internazionali.
  • Area arte e cultura: comprende le pagine Sweet art, arte&cultura, la rubrica Very Bocconi/Blond People.

I redattori inviano gli articoli direttamente al caporedattore responsabile per l’area editoriale cui l’articolo si riferisce: a egli spetta il controllo dell’articolo e le eventuali pressioni per ritardi o correzioni. Alla scadenza del tempo previsto per il controllo, gli articoli arrivano al direttore editoriale nella loro versione definitiva. Le decisioni sull’editoriale spettano al direttore editoriale. In caso di assenza di un caporedattore, le sue funzioni sono affidate ad interim al direttore editoriale, il quale potrà affidarle a un altro caporedattore per tutto il periodo di assenza.
5. Il responsabile marketing si occupa di coordinare le attività di promozione del giornale, sia sulla rete attraverso i social network sia nel campus attraverso l’organizzazione di eventi e la produzione di materiale pubblicitario. Al responsabile marketing si affiancano fino a due vice-responsabili, col compito di aiutarlo nelle decisioni, collaborarvi nell’organizzazione delle attività e assumerne le funzioni in sua assenza. Nella nomina del supplente si seguirà un criterio di anzianità.
6. Il responsabile grafico si occupa di coordinare l’attività di impaginazione del cartaceo, decidendo sullo stile e coordinando l’attività degli impaginatori. Riceve gli articoli nella loro versione definitiva dal direttore editoriale, una volta che questi li ha ricevuti dai caporedattori. Al responsabile grafico si affianca un vice-responsabile, col compito di aiutarlo nelle decisioni, collaborarvi nello svolgimento delle sue mansioni e assumerne le funzioni in sua assenza.
7. Il responsabile web si occupa di gestire il sito internet del giornale. Aggiorna le news, pubblica gli articoli e si occupa della manutenzione e della grafica del sito. Gli articoli di chi è già membro gli vengono inviati dai caporedattori già pronti per la pubblicazione; gli articoli dei nuovi arrivati gli vengono inviati dal direttore editoriale e dovrà occuparsi egli stesso della revisione. Al responsabile web si affianca un vice-responsabile, col compito di aiutarlo nelle decisioni, collaborarvi nello svolgimento delle sue mansioni e assumerne le funzioni in sua assenza.
8. I redattori sono studenti che hanno pubblicato un articolo sul cartaceo almeno tre volte. Chi vi ha pubblicato un articolo per meno di tre volte è un collaboratore, chi ha pubblicato solamente sull’edizione online fa parte della redazione online.
9. Il comitato di redazione è composto dai redattori e da tutti coloro che ricoprono incarichi di responsabilità. Esso è responsabile della gestione del giornale.

3. Regole sulle pubblicazioni

1. Chiunque è libero di scrivere su Tra i Leoni, purché lo faccia nel rispetto dei principi fondanti: chi lo gestisce deve garantire a tutti la possibilità di esprimere, in maniera ragionevole, la propria opinione. Gli articoli dovranno essere conformi alle linee guida di scrittura (punto 6).
2. Durante le riunioni in cui si costruisce un numero del cartaceo, si discutono le varie proposte e dalla discussione dovranno emergere gli articoli da pubblicare. Nel caso di contrasti si privilegia l’articolo ritenuto più idoneo alla pubblicazione dal responsabile dell’area editoriale di riferimento e dal direttore editoriale. Gli altri articoli potranno essere pubblicati sul sito web o conservati per un’altra edizione cartacea.
3. A protezione dell’onore del giornale o per violazioni dei principi fondanti, i caporedattori potranno contestare un articolo, purché ciò avvenga nel rispetto del principio della libertà di stampa e sempre su solide basi. Qualora l’autore non sia d’accordo, potrà portare il caso davanti al direttore editoriale, il quale dovrà tentare una mediazione o, se questa dovesse fallire, decidere se respingere l’articolo o meno.
4. L’approvazione finale dei contenuti dell’impaginazione di ciascun numero spetta al direttore responsabile.

4. Regole di procedura

1. All’inizio di ogni anno si effettuerà una riunione del comitato di redazione per vagliare le idee sulle attività da realizzare nel nuovo anno ed eventuali modifiche al regolamento. Tale incontro dovrà tenersi prima della presentazione del piano editoriale al direttore responsabile.
2. Il direttore metterà a punto un piano con le scadenze relative all’intero anno e un piano editoriale con le proposte vagliate nella riunione di inizio anno, e lo presenterà al direttore responsabile nella prima data utile.
3. La prima riunione plenaria dovrà tenersi intorno al 20 settembre, le altre in date non comprese nelle sessioni di esame e nel mese precedente l’uscita del numero che si costruirà nella riunione. Le scadenze sono così organizzate:
a. consegna degli articoli: 10 giorni dopo la riunione:
b. controllo degli articoli da parte dei caporedattori: 3 giorni dopo la consegna;
c. fine impaginazione: 4 giorni dopo il controllo;
d. incontro con l’ufficio editoria per controllare e approvare l’impaginazione: 2 giorni dopo la fine dell’impaginazione;
e. stampa: circa una settimana dopo l’approvazione dell’impaginazione.

5. Collaboratori e redattori

1. In accordo con il primo principio, ogni studente può entrare a far parte di Tra i Leoni, purché si impegni a sottoscrivere il presente regolamento. Il primo articolo di ogni nuovo arrivato verrà controllato dal responsabile web e in seguito pubblicato sul sito del giornale: tale articolo dovrà essere conforme alle linee guida di scrittura (punto 6), in caso contrario il responsabile web potrà chiedere all’autore di modificarlo. Tali regole di base sono valide per qualsiasi articolo, con le uniche eccezione dovute al numero di caratteri, diverso tra cartaceo e sito web.
2. La cessazione dello status di studente dell’Università Bocconi comporta la decadenza da ogni carica all’interno del giornale. I redattori decadono dal loro incarico a seguito dell’assenza ingiustificata a tre riunioni e per manifesto disinteresse nei confronti nel giornale.

6. Linee guida di scrittura

INDICAZIONI GENERALI:

1. Si richiamano anzitutto l’Honor Code, i principi fondanti di Tra i Leoni e il regolamento, che devono informare l’operato di chiunque scriva per Tra i Leoni, nelle posizioni d’opinione, nella scelta dei contenuti e nel lessico adottato: è vietata ogni forma di espressione e manifestazione del pensiero denigratoria nei confronti dell’Università, degli organi che la compongano (specie nelle persone dei loro rappresentanti) nonché contraria ai principi che ispirano l’attività dell’Ateneo. Al di fuori di queste ipotesi, ogni altra posizione sarà ritenuta intellettualmente valida e degna di rispetto così come di dissenso d’opinione, nei limiti del rispetto delle norme di ordine pubblico e buon costume (parolacce ed insulti devono trovare giustificazione letteraria all’interno del testo).
2. Gli articoli per il cartaceo hanno in generale un limite massimo di lunghezza di 3600 caratteri (spazi inclusi): lunghezze maggiori dovranno essere dovutamente giustificate. Per la pubblicazione sul sito web non è previsto un limite quantitativo perentorio. È responsabilità dell’autore tenere conto, nella sua libertà di scelta, di limiti opportuni che ne garantiscano un’agevole lettura, in considerazione degli standard medi di lunghezza degli articoli sul web. Pertanto si suggerisce che la lunghezza del testo si mantenga attorno ai 1800 caratteri, spazi inclusi.
3. Per il sito web si richiede vivamente che l’autore fornisca, insieme al testo redatto, una fotografia coerente o connessa al tema trattato, salvo i casi in cui l’argomento dell’articolo lo renda estremamente difficile. Sono ammesse sia fotografie scattate (o immagini disegnate) personalmente sia immagini reperite in rete. In quest’ultimo caso si consiglia di comunicare il link della fonte, allo scopo di facilitare eventualmente la soluzione di problemi relativi all’esistenza di copertura da diritti di immagine.

CONTENUTO:

4. La scelta del contenuto dell’articolo è lasciata alla libera creatività dell’autore, nel solo rispetto degli obblighi della linea guida 1. Le proposizioni sul contenuto degli articoli presenti nelle linee guida seguenti sono da considerarsi come suggerimenti.
5. La linea “editoriale” e lo spirito di Tra i Leoni devono essere tenuti in forte considerazione nella stesura dell’articolo. Sono parimenti da evitare:
a. Articoli a contenuto eccessivamente tecnico (es. resoconti tecnici dei risultati di lavori accademici, articoli fondati esclusivamente sull’analisi di dati quantitativi), salvo che adeguati, nel tono e nel contenuto alla pubblicazione su Tra i Leoni. Spetta alla discrezione del Direttore editoriale una valutazione in merito a tali requisiti.
b. Articoli su temi di attualità che riportino opinioni manifestate sui quotidiani, oppure volti a confutare, con eccessiva leggerezza, tesi apparse su questi ultimi.
c. Articoli che esprimano un punto di vista fortemente politico, in quanto esso sia pregiudiziale e male (oppure non) argomentato.
d. Articoli di cronaca su temi di dominio pubblico, se e in quanto meramente descrittivi dei fatti.
e. Articoli fondati su luoghi comuni, posizioni di principio (soprattutto in quanto non motivate), satira politica riportata.
6. Tra i Leoni, in accordo con il quarto principio fondante, vuole essere strumento di informazione vicino al punto di vista degli studenti ed attento a soddisfare le curiosità che essi ricercano nella lettura dei nostri articoli. Si dovrà cercare di trattare ogni argomento con un modo “a misura di studente”, cercando il più possibile di trasmettere la propria opinione personale ed originale sul punto. È necessario evitare di essere banali o di ripetere qualcosa di già sentito o letto.
7. Nel scegliere l’argomento si dovrà cercare di aderire il più possibile, con tutta l’elasticità del caso, ad una delle ampie categorie indicate sul sito (vedi linea guida 11), che corrispondono alle sezioni, o pagine, del cartaceo. Si dovranno prediligere temi che interessano sì chi scrive, ma anche chi legge.

FORMA – STILE, LESSICO, SINTASSI E GRAMMATICA

8. Lo stile di scrittura è personale e non sarà mai sindacato, purché nel rispetto della correttezza della forma (grammatica e sintassi). Le linee guida seguenti tengono conto di questo.
9. Vanno evitati troppi neologismi, espressioni gergali o lessico giornalistico, sopratutto quando poco adatto al tenore del tema trattato.
10. La levatura di stile va sempre commisurata con l’importanza e serietà dell’argomento, su tutta la scala delle possibilità.

PRESENTAZIONE ED ELEMENTI ESSENZIALI

11. L’articolo deve, nella sua versione definitiva, complessivamente presentare i seguenti elementi:
a. Titolo;
b. Testo (possibilmente giustificato e, se diviso per paragrafi, equamente bilanciato)
c. Nome dell’autore
d. Email (preferibilmente accademica) dell’autore
e. Proposta di categorizzazione (fare riferimento alle seguenti categorie attualmente disponibili sul sito di Tra i Leoni: Arte&Cultura, Attualità, Campus Life, Editoriale, L’angolo del giurista, L’angolo della finanza, Vieni avanti economista).

7. Il regolamento

1. Il cambiamenti al regolamento devono essere approvati nella riunione di inizio anno accademico del comitato di redazione, con una maggioranza dei due terzi dei membri del comitato. In casi straordinari si potranno apportare delle modifiche in riunioni convocate durante l’anno, con sempre una maggioranza dei due terzi dei membri del comitato. L’approvazione definitiva di ogni modifica spetterà al direttore responsabile.

Share