Loading...
Editoriale

Scribo, ergo sum

Scrivere, scrivere per un giornale, scrivere per Tra i Leoni?

Sì, può sembrare operazione ardua, una sfida che non ci vede adeguati, attrezzati, atti a coglierla, ma, invero, superati i reverenziali primi timori, seppur leciti per un’istituzione che al primo passo ammonisce: hic sunt leones, emergono fortissime ed incontrovertibili ragioni per avventurarsi in questa esperienza estremamente interessante ed arricchente in relazione a sé, al mondo ed al reale.

In relazione a sé, in quanto aiuta in primis noi stessi, costringendoci ad interrogarci continuamente, a riconoscere la verità dell’assunto cartesiano dubium sapientiae initium, a conoscere la nostra coscienza, a trovare in essa quella originaria armonia, quell’ordine, quella perfezione che sono al contempo la norma del vivere quotidiano e la legge dello scrivere rigoroso.

Ineluttabilmente, ci conduce al necessario confronto con la coerenza e il rigore, elementi che si esplicano nella misura, nello stile, in quella vocazione squisitamente umana a conoscere, comunicare e condividere con gli altri l’inventum mirabile.

Lo scrivere, però, oltre ad esigere una convinta adesione, così come la vita, non può prescindere dalla compromissione con il gran libro del mondo e dall’apertura ad esso, alle sue molteplici sfaccettature, così come alla realtà giuridica e politica su cui poggia la civile convivenza.

E, nello stesso tempo, la conoscenza di sé e del mondo ci spinge a cercare, indagare, approfondire, mediante la speculazione critica delle dinamiche del reale, i principi primi della vita nella sua complessità e vastità.

Ecco dunque che scrivere risulta, in ultima istanza, una necessità, un’opportunità per la nostra crescita umana, un obbligo cui non possiamo sottrarci, una modalità efficace ed incisiva per scandagliare le ragioni poste a fondamento del nostro modo di vivere e del nostro destino.

Leggi anche  Il Pitti fragranze: tra poesia giapponese e calendari dell'Avvento

È un modo di agire e di reagire nel mondo.

È l’espressione più chiara e forte della nostra dimensione autenticamente umana.

Maria Lucia Passador

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.